Capri elegante e “à la page”, Procida piccola e autentica tanto da diventare Capitale Italiana della Cultura 2022; Ischia l’isola verde culla del relax termale.

Il mare le circonda in un abbraccio che cambia forma e colore ad ogni ora del giorno e in ogni stagione.

Qui l’abitudine all’accoglienza è di casa e il ventaglio di cose da fare, da vedere, da assaggiare è così ampio che andarci una sola volta non basta. Luoghi, sospesi tra storia e leggenda, vita quotidiana e miti antichi che nutrono l’invito e la voglia di tornare.

Come su un balcone affacciato sul mare con la luce che cambia a seconda dell’ora, del tempo, della stagione. Siamo in Costa d’Amalfi: 13 paesi, amati, conosciuti, visitati, fra le più desiderate mete di viaggio e uniti sotto l’egida Unesco dei magnifici siti campani dichiarati Patrimonio dell’Umanità.

Quaranta chilometri da sogno: da Vietri sul Mare a Positano, tra mare e scorci rocciosi. Borghi che sembrano presepi marini, chiese che testimoniano un passato glorioso ed un presente ricco di prestigio.

La Costiera Amalfitana con le sue comunità, raffinate perle di una collana che lega la visione della bellezza all’atmosfera di un sogno.

Nobile meta di turisti e viaggiatori che arrivano da tutto il mondo per godere di paesaggi stupefacenti appoggiati su vigneti e limoneti terrazzati, arte raffinata, cibo autenticamente mediterraneo.

Un soggiorno qui è un desiderio che si avvera.

Panorami romantici con il bianco delle case e il verde della macchia mediterranea che si specchiano nel mare; paesi che interpretano l’accoglienza turistica con un’attitudine al sorriso consolidata da decenni di esperienza; una tradizione gastronomica che è una tavolozza di sapori.

Come una caccia al tesoro che si snoda lungo una strada che racconta storie di scambi commerciali, vacanze leggendarie dei grandi nomi del jet set che nel Novecento soggiornavano abitualmente a Sorrento; tradizioni gastronomiche e artigianali care alla gente del posto prima ancora che agli ospiti; eventi culturali e premi letterari che celebrano l’arte e la bellezza.

La Penisola Sorrentina è un modo di vivere tutto da scoprire.

Caserta è una città che al fascino di una storia senza tempo, eredità dei Borbone, unisce un carattere contemporaneo che si esprime in tante opportunità: lo shopping sul corso principale, vetrina naturale di botteghe e negozi; una proposta enogastronomica di qualità che va dai piatti tipici alla pizza, ai vini storici come il Falerno; eventi culturali che vivacizzano la vita sociale.

Non c’è viaggio, gita o passeggiata in Terra di Lavoro che non preveda una tappa alla Reggia vanvitelliana: maestosa, si impone agli occhi del viaggiatore che esce dalla stazione ferroviaria.

Ma Caserta è tanto altro.

Moderna e antica insieme. Salerno, dopo l’accurata ristrutturazione urbanistica degli ultimi anni, è sempre di più una città attraente e piena di spunti culturali.

Diventata la capitale nazionale degli eventi natalizi con le magiche “Luci d’Artista”, ammirate ogni anno da centinaia di migliaia di persone, è uno scrigno che custodisce luoghi d’arte tutti da scoprire.

Il Lungomare che va dalla storica e novecentesca piazza della Concordia alla splendida e avveniristica piazza della Libertà, è una passeggiata simbolo di una città che sa continuamente rinnovarsi proiettandosi nel terzo millennio.

La Campania è la regione italiana con il maggior numero di luoghi e tradizioni insigniti dall’Unesco del riconoscimento di Patrimonio Culturale dell’Umanità.

Dal Centro Storico di Napoli a Pompei, da Caserta a Paestum, dagli scavi archeologici vesuviani al Cilento e alla Costiera Amalfitana: è la Campania della bellezza.

Nella lista dei beni protetti dal prestigioso ente internazionale, la nostra regione vanta ben dieci patrimoni da scoprire, da ammirare e da vivere.